Trekking Baltoro - Angelo Giovanetti Mountain Trekking Expedition

Vai ai contenuti

Menu principale:

Spedizioni > Pakistan



Pakistan
Trekking del Baltoro -Campo Base K2-

Periodo:da definire
Durata:24  giorni


Questo è uno dei più bei Trekking della terra, attraverso ghiacciai, rocce e guglie verticali ci porta nel cuore della catena del Karakorum al Campo Base del K2, la seconda montagna più alta del mondo.
il Gasherbrum "parete lucente", il Broad Peack "Cima Larga", il Chogo Ri "la Grande Montagna" o noto come K2, sono i maestosi giganti che si affacciano sul Circolo Concordia, sovrastando di migliaia di metri l'imponente ghiacciaio del Baltoro.
Il Karakorum si trova al limite Nord-Occidentale della Catena dell'Himalaya e si estende per circa 400 Km, diventando al giorno d'oggi il paradiso degli alpinisti e di coloro che a piedi , giorno dopo giorno ne assaporano le incredibili bellezze naturali. L' itinerario parte da Islamabad la capitale del Pakistan, e dopo tre giorni di viaggio via terra , lungo la Karakorum HighWay, da Skardu parte il Trekking che sale graduale al Circolo Concordia: grandioso anfitreato glaciale ai piedi del più fantastico scenario di montagna del mondo.

Day

Date

Itinerary

Accommodation

01

 

Milano - Islamabad

 

02

 

Arrivo Islamabad,assistenza e sistemazione in Hotel

Hotel

03-04

 

Skardu - spostamento via terra lungo la Karakorun HihWay, dopo la notte a Chilas il giorno successivo si raggiunge l'oasi di Skardu a 2287m. la cittadina è il capoluogo del Baltistan.

Lodge

05

 

Tonga (Askole) -Lunga tappa di trasferimento con fuoristrada lungo una pista panoramica e impressionante a picco sul fiume Braldu. Arrivo ad Askole  lultimo villaggio Baltì punto di partenza del Trekking a 3000m di quota.

Lodge- Tenda

06

 

Korophon -percorso con continui sali scendi fino ad incontrare la lingua del ghiacciaio Biafo. Superata la lingua morenica per circa 2 km per bel sentiero si arriva alla verde oasi di Korophon. Tappa di 4-5 ore .

Tenda

07

 

Bardumal- si segue la valle del fiume Braldu lungo sentiero a volte roccioso e stertto con tratti esposti a picco sul fiume fino ad incontrare le sponde del fiume Dumordo. Bardumal si trova dall'altra parte del fiume; una volta, se la quantità di acqua del fiume lo permetteva si guadava, altrimenti si prendeva  una rudimentale e impressionante teleferica, al giorno d'oggi il passaggio sul fiume è reso più agevole da un nuovo ponte che ci consente di raggiungere la sponda opposta del Braldu dove costeggiando il sentiero a tratti esposto si arriva al Campo.  Tappa di circa 5 ore.

Tenda

08

 

Paiju- monotona tappa tra ciottoli e sfasciume morenici lungo la sponda pianeggiante del fiume Braldu. Nella parte finale la valle si allarga ed il sentiero risale gradatamente fino alla verde terrazza di Payu, uno dei campi più piacevoli,ricca di alberi e con una sorgente di acqua fresca. Da qui è visibile il Fronte del ghiacciaio del Baltoro e la mole granitica del PayuPeak 6600m.  Tappa di 4-5 ore.

Tenda

09

 

Paiju- Giornata di riposo e acclimatamento  mt.3750

Tenda

10

 

Urdukas- raggiunto l'attacco del ghiacciaio del Baltoro, si risale il bacino tenendosi sulla sinistra orografica e con una faticosa e iinterminabile squenza di saliscendi si raggiungono i piedi di pendii erbosi, disseminati di grandi massi rossastri (la nota frana di Urdukas).Da qui si risale fino a raggiungere il Campo di Urdukas con acqua di sorgente, zone verdi e terrazze per le tende. Splendide panoramiche sulle Torri di Trango e sulle imponenti Cattedrali del Baltoro.
Tappa piuttosto faticosa e di circa 8 ore.

Tenda

11

 

Gove- si affronta decisamente il ghiacciaio, attraverso uno spettacolare sentiero tra detriti morenici, candide conformazioni di ghiaccio modellate dall'acqua e dal vento chiamate "Vele del Baltoro" e tortuosi torrenti di colore turchese che scorrono sul ghiacciaio:un mondo vario, affascinante  e in continuo movimento. Arrivati a Gove si monta il Campo sul ghiacciaio da dove sono ben visibili i Gasherbrum il Broad Peak e le cime del Circolo Concordia. Tappa di 6/7 ore.

Tenda

12

 

Concordia- si procede lungo una traccia ben definita fiancheggiata da due catene di montagne tra cui spiccano spettacolari cime della Torre Muztag e del Masherbrum.
La quota comincia a farsi sentire e l'ambiente si allarga diventando sempre più maestoso fino a raggiungere il Circolo Concordia a quota 4687m: un panorama a 360° dominata dalla mole del K2 e dalle più alte cime del Karakorum.  Tappa di 4/5 ore.

Tenda

13

 

Campo Base Broad Peak- sempre su terreno di morena e pietraie seguendo un atraccia e qualche ometto, si arriva al Campo Base di questa montagna di 8047m, il Broad Peak dove si pone il campo. Nelle vicinanze la vista spettacolare del K2. Tappa breve 2/3 ore.

Tenda

14

 

Campo Base K2- escursione al Campo Base del K2 contemplando la prima via di salita Italiana lungo lo Sperone Abruzzi, e ritorno al Circolo Concordia dove si pernotta.
Tappa totale di 5/6 ore.

Tenda

15-20

 

Skardu- Se possibile dal Circolo Concordia si ritorna attraverso il Passo del Gondogoro 5800m da dove si scende al villaggio di Hushe e quindi trasferimento in Jeep a Skardu.
Se il maltempo non consentisse il passaggio dal Passo il rientro si farà per il percorso di salita.

Tenda

21

 

Giornata di riposo a Skardu.

Lodge

22-23

 

Islamabad- ritorno col pulmino lungo la Karakorum Highway con una notte a Cilas.

Lodge

24

 

Volo per Milano.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu